Vai al contenuto principale
Oggetto:
Oggetto:

Metodi e strumenti per la didattica della lingua italiana

Oggetto:

Methods and Tools for Teaching Italian language

Oggetto:

Anno accademico 2018/2019

Codice dell'attività didattica
STU0475
Docenti
Giuseppe Noto (Titolare del corso)
Margherita Quaglino (Titolare del corso)
Matteo Rivoira (Titolare del corso)
Corso di studi
laurea magistrale in Letteratura, Filologia e Linguistica italiana
Anno
1° anno
Tipologia
Affine o integrativo
Crediti/Valenza
6
SSD dell'attività didattica
L-FIL-LET/12 - linguistica italiana
Modalità di erogazione
Tradizionale
Lingua di insegnamento
Italiano
Modalità di frequenza
Facoltativa
Tipologia d'esame
Orale
Prerequisiti

Conoscenze umanistiche approfondite, in particolare in ambito linguistico; è necessaria la capacità di comprendere e utilizzare il lessico specialistico.

Humanistic knowledge, especially in the linguistic context; ability to understand and use the vocabulary of specialist order.

Oggetto:

Sommario del corso

Oggetto:

Obiettivi formativi

La finalità generaleè riassumibile nel far acquisire la consapevolezza che:

1. lo statuto delle singole materie e le loro reciproche interrelazioni non sono storicamente immutabili, ma cambiano in funzione dei bisogni formativi;

2. l'educazione linguistica è strumento fondamentale per porre l'adolescente nelle condizioni di superare ogni dimensione esclusivamente "egocentrata" e "sincronica", ovvero di percepire  e comunicare la complessità del reale e quella della diacronia, rapportandosi criticamente ad esse;

3. l'educazione linguistica è compito che spetta al curriculum formativo nella sua globalità;

4. la lingua e i diversi linguaggi funzionali sono codici strutturati in un insieme di norme storicamente mutevoli;

5. la riflessione metalinguistica è strumento fondamentale per l'acquisizione da parte degli studenti di approcci pre-scientifici e "quasi scientifici".

The general purpose is summarized in making the awareness acquire that:
1. the status of the individual subjects and their mutual interrelationships are not historically immutable, but change according to the training needs;
2. linguistic education is a fundamental tool for placing the adolescent in the conditions to overcome every dimension exclusively "egocentric" and "synchronic", that is, to perceive and communicate the complexity of reality and that of diachrony, critically relating to them;
3. Linguistic education is a task that belongs to the educational curriculum in its entirety;

4. language and the different functional languages are codes structured in a set of historically changeable norms;
5. Metalinguistic reflection is a fundamental tool for students' acquisition of pre-scientific and "quasi-scientific" approaches.

Oggetto:

Risultati dell'apprendimento attesi

Gli obiettivi cognitivi che si vogliono raggiungere sono riassumibili nei concetti di:

- funzione, codice, sottocodice, stile, registro, varietà non standard;

- il concetto di "grammatica" (rapporto norma/uso, riflessione sui diversi modelli grammaticali che sono stati proposti dagli anni '80 in avanti, intreccio tra grammatica tradizionale e linguistica);

- "multilinguismo stilistico";

- "diasistema linguistico";

- codice ristretto e codice elaborato;

- variazione.

The cognitive objectives to be achieved can be summarized in the concepts of:
- function, code, subcode, style, register, non-standard variety;
- the concept of "grammar" (ratio norm / use, reflection on the various grammatical models that have been proposed since the '80s onwards, intertwining between traditional grammar and linguistics)
- "stylistic multilingualism";
- "linguistic diasystem";
- restricted code and elaborate code;
- variation.

Oggetto:

Modalità di insegnamento

Lezioni della durata di 36 ore complessive (6 CFU), che si svolgono in aula con l'ausilio di proiezioni e di letture di testi.

Lessons lasting 36 hours in total (6 CFU), which take place in the classroom with the help of projections and readings of texts.

Oggetto:

Modalità di verifica dell'apprendimento

Conoscenze e competenze previste saranno verificate attraverso un colloquio orale con tre-quattro domande. La preparazione sarà considerata adeguata (con votazione espressa in trentesimi) se lo studente dimostrerà: conoscenza, comprensione e capacità di applicazione degli argomenti svolti; capacità di esposizione, con proprietà di lessico (specialistico e non) e con organizzazione autonoma delle argomentazioni; capacità di definizione. Gli studenti prepareranno una relazione scritta su uno degli argomenti del corso (concordato con uno dei docenti) da consegnare almeno due settimane prima della data dell'appello (l'esame partirà da una discussione di questa relazione).

Knowledge and skills provided will be verified through an interview with three-four questions. The preparation will be considered adequate (with vote expressed in thirtieth) if the student will demonstrate: knowledge, understanding and implementation capacity of the arguments; presentation skills, with properties vocabulary (specialized or not) and with autonomous organization of the arguments; definition capacity. Students will prepare a written report to be delivered to the teacher at least two weeks before the date of the examination (the examination will start from a discussion of this report).

Oggetto:

Programma

- Analisi critica delle principali metodologie per l'insegnamento sviluppate nella ricerca in didattica della lingua italiana, anche in riferimento allo specifico ruolo dell'insegnante, ai nodi concettuali, epistemologici e didattici dell'insegnamento e apprendimento delle discipline di interesse, e in funzione dello sviluppo delle capacità semiotiche nonché dell'ampliamento delle potenzialità espressive e conoscitive nell'ambito disciplinare specifico.

- Progettazione e sviluppo di attività di insegnamento della lingua italiana: illustrazione dei principi e delle metodologie per la costruzione di attività e più in generale di un curriculum di lingua italiana, tenendo presente anche le esigenze di potenziamento del linguaggio e di consolidamento delle pratiche linguistiche necessarie al raggiungimento degli obiettivi di formazione e istruzione nelle discipline di interesse.

- Studio dei processi di insegnamento e apprendimento nell'ambito della lingua italiana mediati dall'uso delle tecnologie, con particolare attenzione alle nuove tecnologie digitali, allo specifico ruolo dell'insegnante, ai nodi concettuali, epistemologici e didattici.

- Analisi delle potenzialità e criticità dell'uso di strumenti tecnologici per l'insegnamento e apprendimento delle discipline di interesse.

 

- Critical analysis of the main teaching methodologies developed in the teaching research of the Italian language, also with reference to the specific role of the teacher, to the conceptual, epistemological and didactic nodes of teaching and learning of the disciplines of interest, and according to the development of semiotic skills as well as the expansion of the expressive and cognitive potential in the specific disciplinary area.

- Design and development of Italian language teaching activities: illustration of the principles and methodologies for the construction of activities and more generally of an Italian language curriculum, also taking into account the needs of language enhancement and consolidation of the necessary linguistic practices to achieve the training and education objectives in the disciplines of interest.

- Study of teaching and learning processes in the Italian language mediated by the use of technologies, with particular attention to new digital technologies, to the specific role of the teacher, to conceptual, epistemological and didactic nodes.

- Analysis of the potential and criticality of the use of technological tools for teaching and learning the disciplines of interest.

Oggetto:

Testi consigliati e bibliografia

Per gli studenti frequentanti:

- gli appunti delle lezioni;

- Dieci tesi per l'educazione linguistica democratica (http://giscel.it/?q=content/dieci-tesi-leducazione-linguistica-democratica);

- Maria G. Lo Duca, Lingua italiana ed educazione linguistica. Tra storia e ricerca didattica. Nuova edizione, Roma, Carocci, 2013, pp. 1-240;

- Luca Serianni, Prima lezione di grammatica, Roma-Bari, Laterza, 2012;

- Giuseppe Patota-Bianca Persiani, Grammaticografia, in La linguistica italiana alle soglie del 2000. A cura di Cristina Lavinio, Roma, Bulzoni, 2002, pp. 119-142;

- altri materiali che verranno indicati nel corso delle lezioni e inseriti on line sulla pagina del corso.

 

Per gli studenti non frequentanti:

- Dieci tesi per l'educazione linguistica democratica (http://giscel.it/?q=content/dieci-tesi-leducazione-linguistica-democratica);

- Maria G. Lo Duca, Lingua italiana ed educazione linguistica. Tra storia e ricerca didattica. Nuova edizione, Roma, Carocci, 2013;

- Luca Serianni, Prima lezione di grammatica, Roma-Bari, Laterza, 2012;

- Giuseppe Patota-Bianca Persiani, Grammaticografia, in La linguistica italiana alle soglie del 2000. A cura di Cristina Lavinio, Roma, Bulzoni, 2002, pp. 119-142;

- Tullio De Mauro, L'educazione linguistica democratica, a cura di Silvana Loiero e Maria Antonietta Marchese, Roma-Bari, Laterza, 2018.

Attending students

- the lecture notes;

- Dieci tesi per l'educazione linguistica democratica (http://giscel.it/?q=content/dieci-tesi-leducazione-linguistica-democratica);

- Maria G. Lo Duca, Lingua italiana ed educazione linguistica. Tra storia e ricerca didattica. Nuova edizione, Roma, Carocci, 2013, pp. 1-240;

- Luca Serianni, Prima lezione di grammatica, Roma-Bari, Laterza, 2012;

- Giuseppe Patota-Bianca Persiani, Grammaticografia, in La linguistica italiana alle soglie del 2000. A cura di Cristina Lavinio, Roma, Bulzoni, 2002, pp. 119-142;

- other materials that will be indicated in class.

 

 Non attending students:

Dieci tesi per l'educazione linguistica democratica (http://giscel.it/?q=content/dieci-tesi-leducazione-linguistica-democratica);

- Maria G. Lo Duca, Lingua italiana ed educazione linguistica. Tra storia e ricerca didattica. Nuova edizione, Roma, Carocci, 2013;

- Luca Serianni, Prima lezione di grammatica, Roma-Bari, Laterza, 2012;

- Giuseppe Patota-Bianca Persiani, Grammaticografia, in La linguistica italiana alle soglie del 2000. A cura di Cristina Lavinio, Roma, Bulzoni, 2002, pp. 119-142;

- Tullio De Mauro, L'educazione linguistica democratica, a cura di Silvana Loiero e Maria Antonietta Marchese, Roma-Bari, Laterza, 2018.

Oggetto:

Note

La frequenza non è obbligatoria, ma è vivamente consigliata.

Attendance is not compulsary, but strongly recommended.

Oggetto:
Ultimo aggiornamento: 06/02/2019 13:48
Location: https://letteratura.campusnet.unito.it/robots.html
Non cliccare qui!